Stati d’ansia, panico, depressione? Chiamale emozioni

Il pensiero stabilisce relazioni tra gli oggetti  – altrimenti vissuti in maniera confusiva – e li categorizza in modo specifico. E’ ciò che ci fa essere, a volte, razionali e ci ha distinto da altre specie animali. Categorizzare la realtà, con l’ausilio del linguaggio, è dunque fondamentale.

Scegliere quali categorie adottare cambia radicalmente i nostri punti di vista, soprattutto quando parliamo di stati emotivi. Definirli ansia, panico, depressione non ci aiuta molto, anzi peggiora la situazione, specialmente quando si è profani del campo “psi”. In seguito ad una categorizzazione del genere, infatti, non resta che risolvere la situazione terapeuticamente, nella peggiore delle ipotesi con i farmaci.

E se invece provassimo con categorie diverse? La mia proposta, da psicologo, è definirle e pensarle come emozioni. Un senso emotivo che viene dato al contesto. Emozioni che nascono nella relazione con esso: un intreccio tra il nostro modo di viverlo e le emozioni specifiche che il contesto tende a suscitare. Pensare gli stati d’ansia, il panico, la depressione come emozioni in una relazione, pensare le emozioni, innesca cambiamento, genera miglioramento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...